“Suona il telefono: chi sarà che chiama?”

Telemarketing e privacy sono gli argomenti salienti di “Suona il telefono: chi sarà che chiama?”, convegno della Sezione AEIT di Torino che si svolge mercoledì 28 Gennaio dalle 14.00 alle 18.00 presso la Sede del Consiglio Regionale in Palazzo Lascaris di Ventimiglia

23 Gen 2015

“Suona il telefono: chi sarà che chiama? (gli squilli non desiderati del nostro telefono)” è il titolo di un convegno, realizzato nell’ambito delle attività culturali della Sezione AEIT (Associazione Italiana di Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Informatica e Telecomunicazioni) di Torino. L’incontro, che si svolge mercoledì 28 Gennaio dalle 14.00 alle 18.00 presso la Sede del Consiglio Regionale in Palazzo Lascaris di Ventimiglia (Sala Viglione) in via Alfieri 15, rappresenta un’interessante opportunità per ampliare le conoscenze su cosa c’è dietro alle campagne di Telemarketing svolte da fornitori di servizi di Telecomunicazione – e non solo. Verranno esaminate le implicazioni sulla nostra privacy e sulla nostra sicurezza e i provvedimenti adottati al riguardo, tenendo anche presente il diritto all’informazione degli utilizzatori. La partecipazione al convegno è gratuita

Il “telefono fisso” – quello col filo – sta conoscendo una diminuzione dei suoi abbonati: non tanto tra quelli “affari” (uffici e aziende) quanto tra quelli nelle abitazioni, probabilmente per ragioni di risparmio a fronte di una diffusione sempre più capillare del telefono cellulare (inutile avere due telefoni!). Contrasta questa tendenza da una parte l’altrettanto capillare diffusione di Internet (infatti l’accesso alla Rete, sia con ADSL sia in fibra ottica, viene fornito insieme ad un numero di “telefono fisso”) e dall’altra, all’opposto, un probabile mancato interesse degli abbonati per i servizi telematici (tipicamente le persone anziane) quando addi-rittura non una repulsione.

La “pubblicità” del numero di telefono, una volta offerta obbligatoriamente (salvo rare eccezioni) sugli elenchi telefonici, se per gli uffici costituisce un “must” commerciale, per le abitazioni la facilità di reperimento telefonico – e anche stradale – può diventare un boomerang: per questioni di sicurezza, problema sempre più sentito, ma anche per il fastidio che arreca nelle case il cosiddetto “telemarketing”, cioè la vendita per telefono di prodotti e servizi.
Quali sono i vantaggi per le aziende e quali possibilità ha l’utilizzatore per mettersi al riparo da disturbi ed eventuali frodi?

PROGRAMMA
14:00
Registrazione dei partecipanti

14:30
Saluti
Prof. Roberto Napoli
Politecnico di Torino
Dott. Carlo Formento
Presidente AEIT Torino
Dott. Bruno Geraci
Presidente Corecom Piemonte
Ing. Auro Artom
AEIT Torino / AICT

14:45
Introduzione
Ing. Alessandro Antonielli d’Oulx
AEIT Torino

14:55
L’esperienza di Altroconsumo sul Tele-marketing
D.ssa Luisa Crisigiovanni

Segretario Generale
Altroconsumo – Milano

15:15
Suona il telefono: opportunità o criticità? Il contesto sociale e di business in cui operano i call center.
Dott. Matteo Favaro
Responsabile della Soc. Flip Call e mercato tele-selling; responsabile aree Centro e Sud di Com-data S.p.A. – Milano

15:35
Registro Pubblico delle Opposizioni: servizio, tutele per i cittadini e come funziona negli altri Paesi
Ing. Mario Frullone
Direttore delle ricerche
Fondazione Ugo Bordoni – Roma

15:55
I contratti energia offerti telefonicamente: la tutela dell’Autorità
D.ssa Katia Gallo
Responsabile dell’Unità Sportello per il consumatore e valutazione reclami della Direzione Consumatori, Conciliazioni e Arbitrati
Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico – Milano

16:15
Gli illeciti commessi attraverso l’uso
del telefono
D.ssa Paola Capozzi
Dirigente Compartimento Polizia Postale Piemonte e Valle d’Aosta – Torino

16:35
Il ruolo dei Corecom nelle liti tra utenti e operatori telefonici: “un’attività di grande valore sociale”
Dott. Avv. Tiziana Maglione
Vicepresidente Corecom Piemonte

17:00 – 18:00
Tavola rotonda e dibattito
Ing. Auro Artom
moderatore

Opposti Digitali

Articolo 1 di 5