Alvarez (BT Global Services): “Italia mercato in movimento, ma è necessaria la banda larga”

Il ceo dell’azienda: “La nostra strategia prevede collaborazione con clienti locali e globali. Le imprese devono avere la flessibilità di poter passare da un’architettura all’altra nel modo più trasparente possibile”

11 Dic 2015

Domenico Aliperto

luis-alvarez-global-120917150320

La qualifica esatta sul biglietto da visita è CEO – BT Global Services. Ma se dipendesse da lui, probabilmente Luis Álvarez ci farebbe scrivere sopra ‘Glocal’ Services: “È la capacità di agire sul piano locale pur avendo un respiro e un network globali uno dei plus della nostra offerta”, sostiene il super manager spagnolo. Del resto non ci sarebbe da stupirsi, fa parte del suo stile aggiungere un tocco personale a ciò che affronta sul lavoro. A Grove, Oxfordshire, sede della Williams Martini Racing dove CorCom l’ha incontrato in occasione di un press briefing dedicato alla partnership con la scuderia di Formula 1, Álvarez si rivolgeva a ciascuno dei circa venti giornalisti presenti chiamandoli senza esitazione per nome e citando a memoria nazione e testata di appartenenza. “Creo delle mappe mentali che mi aiutano a fissare dei punti di riferimento”, spiega quando gli si chiede quale sia il suo segreto. Ed è evidentemente lo stesso principio che adotta quando descrive i 170 mercati in cui opera BT. Uno dei più interessanti, in prospettiva, è quello italiano. Dove però, ammonisce Álvarez, è necessario che il governo tracci le linee strategiche per l’infrastrutturazione della rete ad alta velocità.

Nella Penisola lavorate con griffe come Ferragamo e Prada. Vi state muovendo per scovare oggi le multinazionali tascabili di domani?

La nostra strategia prevede la collaborazione con clienti globali che lavorano in Italia, con gruppi come FCA, Eni e Generali, che viceversa dall’Italia si affacciano sul piano globale, e poi con organizzazioni più piccole che hanno bisogno di un network internazionale affidabile, come quelle che ha citato. Abbiamo identificato ulteriori opportunità tra le imprese che appartengono a ecosistemi ad alto potenziale di crescita, a cavallo di automotive e automazione industriale. Ma notiamo un certo fermento pure rispetto ai Web services.

Come creare valore in un mondo in cui la connettività è sempre di più una commodity?

Il valore nasce dalla complessità: un network non è mai una semplice commodity per le imprese che lavorano a cavallo di diversi mercati, che devono operare con tecnologie e standard differenti e che non possono sottovalutare l’aspetto della sicurezza informatica. Lo chieda ai gruppi energetici, che hanno bisogno di connettere piattaforme petrolifere, oppure alle banche, per cui il tema della privacy dei propri clienti è sempre più cruciale. Molti vendor stanno poi lavorando al famoso cloud of clouds, ma siamo solo all’inizio e i nostri clienti non sanno ancora chi tra gli sviluppatori avrà successo. Per questo le imprese devono avere la flessibilità di poter passare da un’architettura all’altra nel modo più trasparente possibile. Aggiungere valore significa riuscire a rendere interoperabili gli ambienti in cui lavorano i clienti.

Che ruolo avrà il 5G nel vostro futuro?

L’Internet of Things ormai è tutto: dispositivi, sensori, wearable, automobili, droni necessitano di connessioni di qualità per erogare servizi già disponibili oggi, servizi che possono abilitare nuovi modelli di business. Sembra fantascienza, ma Yara, nostro cliente specializzato nella produzione di fertilizzanti, ha sviluppato un sistema di sensori applicato alle piante, attraverso cui una flotta di droni viene istruita per trattare il terreno quando ce n’è bisogno e in risposta alle reali esigenze delle coltivazioni. Vogliamo citare le opportunità che si aprono per nuovi player nel mercato delle assicurazioni? Le connected cars sono destinate ad avere un impatto imponente sui prezzi e sull’erogazione dei servizi assicurativi e di assistenza. Senza contare tutto ciò che rappresenterà la crescita delle smart city.

Come evolverà lo scenario competitivo per BT?

Il nostro principale concorrente siamo noi stessi. Da leader è facile sedersi sugli allori, ma la verità è che ogni giorno siamo di fronte a una sfida nuova. Per risponderle, penso che rispetto ai grandi fornitori di network realmente globali, con prezzi e livelli di servizio simili ai nostri, la situazione non cambierà: ci sono pochissimi competitor e quelli resteranno. I consulenti tradizionali al momento mi sembrano un po’ impacciati sul fronte dell’hybrid cloud, ma credo continuino ad avere grosse chance su operazioni che i carrier non sanno e non vogliono fare. Poi ci sono le compagnie che propongono il già citato cloud of clouds. Peccato che spesso lo facciano offrendo un’unica soluzione a problemi che, a mio avviso, richiedono risposte multivendor.

E possibili newcomer?

Non sappiamo ancora chi potranno essere. Continuiamo a osservare i focolai dell’innovazione, dalla Silicon Valley a Israele, per cogliere segnali positivi e identificare potenziali concorrenti: nella nostra industry non si è ancora palesata alcuna evidente minaccia, ma basta pensare a Uber per capire com’è facile essere travolti da modelli di business che in nome della condivisione prevedono l’accettazione di una soglia di rischio in cambio di benefit economici.

Opposti Digitali

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
Fondi
PA
Formazione
Ecologia
Digital Economy
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5