JOB

Accenture, caccia ai talenti cloud: pronte 60 assunzioni in Italia

La multinazionale allargherà il team di Roma e Milano. Richieste esperienza da 1 a 10 anni e competenze consulenziali. Per il profili junior si cercano laureati e laureandi in informatica, ingegneria, matematica e fisica

21 Feb 2017

Andrea Frollà

Accenture apre la caccia ai talenti del cloud. Il colosso di consulenza direzionale e strategica, servizi tecnologici e outsourcing è alla ricerca di 60 nuove posizioni, junior e senior, per le sedi di Roma e Milano. La nuvola è l’ambito attorno al quale la selezione della compagnia, che occupa 12mila dipendenti e che negli ultimi 4 anni ha assunto a un ritmo di 1.500 persone ogni anno.

Le risorse che Accenture punta a inserire nella squadra italiana devono avere da uno a dieci anni di esperienza nel settore e competenze consulenziali ed architetturali in ambito cloud computing, tecnologie di virtualizzazione, application migration, architetture IaaS e PaaS, competenze su service catalogues dei maggiori Public Cloud providers, soluzioni Open Source.

Per i profili junior, spiega Accenture, si ricercano laureati in informatica, ingegneria informatica, ingegneria delle telecomunicazioni, ingegneria elettronica, matematica e fisica, da inserire con contratto di apprendistato, e laureandi provenienti dai medesimi corsi di laurea da inserire in stage, che nel 60-70% dei casi si converte in assunzione.

Tipologia Jollyxaq
JOLLY Form Hubspot - Lorem ipsum dolor sit amet

“Il cloud è una fondamentale leva di crescita per i nostri clienti e consente loro di cogliere in velocità e con flessibilità le opportunità offerte dalle piattaforme digitali più innovative – Valerio Romano, managing director di Accenture infrastructure services lead Iceg -. I nostri professionisti sono persone appassionate di innovazione che accompagneranno le più grandi aziende in Italia e nel mondo nel loro percorso di adozione dei nuovi modelli As-a-service, lavorando con tecnologie d’avanguardia e collaborando con i più importanti player di mercato”.

Opposti Digitali

Articolo 1 di 5