INVESTIMENTI

Nasce Aurora, il database “universale”

A firma di Amazon il “motore” che parla in linguaggio MySql. Già più di un migliaio le grandi aziende e startup che hanno testato il sistema

30 Lug 2015

Antonio Dini

Amazon all’attacco del database. La casa di Seattle lancia un componente tecnico di importanza fondamentale per la gestione dei progetti in outsorcing sul cloud. Con Aurora, il motore database che “parla” il linguaggio di MySQL, Amazon pensa di riuscire a offrire servizi sempre interessanti per le aziende che ricercano sistemi completi e non solo IaaS.

Da pochi giorni quindi è disponibile su Amazon Web Services, piattaforma di cloud computing di Amazon.com, Amazon Aurora, un motore di database compatibile con MySQL che unisce la velocità e la disponibilità di database commerciali di fascia alta con la semplicità e la competitività dei database open source. La disponibilità è completa per tutti i clienti.

Più di un migliaio di clienti AWS, tra cui aziende globali e startup, hanno già potuto vedere in anteprima come Amazon Aurora sia in grado di fornire prestazioni fino a cinque volte migliori rispetto al tipico database MySQL, migliore disponibilità rispetto ai database commerciali, migliore sicurezza, scalabilità e disponibilità – il tutto, sostengono quelli di Amazon, a un decimo del costo.

WHITEPAPER
Design Thinking: nuovo approccio all’innovazione per le imprese
Big Data
Manifatturiero/Produzione

Tradizionalmente i clienti alla ricerca di una soluzione di database hanno sempre dovuto scegliere tra prestazioni e prezzo. Da una parte, i database commerciali offrono alte prestazioni ma comportano alti costi e complessità. Viceversa i database open source sono economici e facili da gestire ma spesso non sono affidabili e non raggiungono le prestazioni di quelli commerciali. Amazon Aurora secondo l’azienda di Seattle è un motore di database che offre i vantaggi di entrambe le scelte: prestazioni, disponibilità e costi contenuti.

Amazon Aurora replica automaticamente i dati su diverse Availability Zone e fa un back up continuo su Amazon Simple Storage Service (Amazon S3), studiato apposta per garantire una durabilità del 99.999999999% (ben nove decimali dopo la virgola, dichiara Amazon) senza impattare sulle prestazioni. Amazon Aurora è stato studiato per offrire più del 99.99% di disponibilità ed è in grado di riconoscere e recuperare automaticamente (in meno di 60 secondi) i principali guasti che possono avvenire in un database senza fare crash recovery e senza la necessità di ricostruire la cache del database. Come dichiara l’azienda, infatti, Amazon Aurora monitora in continuazione lo stato delle istanze e se identifica un problema, sostituisce automaticamente l’istanza danneggiata con un duplicato senza perdere alcun dato.

Opposti Digitali

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
amazon
A
aurora
A
Aws
D
database

Articolo 1 di 5