APP

E-tourism, lo smartphone trasforma la visita in caccia al tesoro

Sedici percorsi interattivi in tutta Italia: l’app GaiaSmart è una soluzione pensata per le famiglie con bambini e i gruppi di amici che vogliono affrontare gli itinerari all’aria aperta come momenti ludici alla scoperta dei tesori culturali e naturalistici

02 Mag 2016

A.S.

Grazie al mobile anche le escursioni e le visite che un bambino potrebbe considerare noiose diventano esperienze interattive di gioco e scoperta. E’ il principio da cui è nata GaiaSmart (dove Gaia sta per Giochi e attività interattive all’aperto), l’applicazione gratuita rivolta a turisti, famiglie con bambini, e più in generale a chi ha voglia di imparare ed esplorare giocando. A ideare la soluzione è stata la startup ProMuoviti in collaborazione con la storyteller Caterina Pavan, lo sviluppatore Ivan Manca e l’architetto Paolo Carli, che insieme hanno dato vita a un “catalogo online di itinerari turistici fuori dalle solite rotte”.

Tra tappe da raggiungere, enigmi da risolvere, quiz e approfondimenti interessanti, GaiaSmart promuove il turismo sostenibile, a piedi, in bici o con i mezzi pubblici.

NEWSLETTER
Newsletter Form Hubspot - Lorem ipsum dolor sit amet lorem ipsum dolor sit amet lorem ipsum dolor sit amet
Cloud
Risorse Umane/Organizzazione

Quattordici i percorsi tematici attivati finora: 3 a Milano (“Animali misteriosi: un tour tra il Castello sforzesco e parco Sempione”; “Animali misteriosi 2: sulle tracce di Leonardo da Vinci e non solo”; “Milano e i Navigli”), 6 a Torino (“Torino al gusto di cioccolata: dolce itinerario tra piazze e giardini”; “Dettagli: alla scoperta di San Salvario”; “I Giganti del modellismo: i passi di Gulliver alla Crocetta”; “Luoghi di Magia: le piazze e le chiese del mistero”; “La Macchina del tempo: tuffo nella storia al Quadrilatero Romano”; “Parco del Valentino, anno 2085: tra natura e architettura”), uno a Venezia (“Venezia delle religioni”), uno a Olbia (“Ho perso il traghetto”), uno a Pinerolo (To) (“Caccia al tesoro: in giro per la città”) e uno Torre Pellice (To) (“Valdesi e Torre Pellice, ieri e oggi”).

Una volta scaricata l’app, basterà scegliere il percorso tra quelli disponibili nella zona e iniziare l’avventura. La passeggiata si potrà affrontare senza la necessità di controllare in continuazione il telefono, perché sarà una notifica ad avvertire gli utenti quando si troveranno in prossimità di una “tappa” del percorso. I bambini potranno così scoprire gli animali che “popolano” gli stemmi del Castello Sforzesco a Milano, quelli coinvolti nella storia e nelle opere del grande Leonardo Da Vinci, andare a spasso sui Navigli oppure sui sentieri del Parco del Valentino a Torino, tra natura e architettura.

Opposti Digitali

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
bel tag
S
smartphone
T
turismo

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link