FORUM

Giacomelli: “Il M5S sbaglia: governo italiano sarà al meeting Internet di Ginevra”

La smentita del sottosegretario alle Comunicazioni all’accusa di De Lorenzis secondo cui l’Italia sarebbe assente al Forum sulla governance della rete: “Non solo all’appuntamento il Mise sarà presente con una delegazione. Ma il M5S sbaglia soprattutto nel negare il lavoro svolto sul tema durante il governo Renzi e poi Gentiloni”

08 Ago 2019
giacomelli-160219105547
”L’on De Lorenzis si sbaglia: nessuna assenza del governo italiano al forum di Ginevra”. Lo replica il sottosegretario allo sviluppo economico Antonello Giacomelli dopo le dichiarazioni del deputato del M5S Diego De Lorenzis che ha denuciato l’assenza del governo al Forum per la governance di Internet di Ginevra.
“Gravissima l’assenza del governo – aveva scritto De Lorenzis in una nota – al forum mondiale per la governance di internet che quest’anno si svolgerà da lunedì a Ginevra. Si tratta di un evento molto importante: molti Paesi sono presenti con esponenti del governo, che partecipano non solo a conferenze e tavole rotonde ma soprattutto a incontri bilaterali”.
[spreaker type=player resource=”show_id=4590614″ width=”100%” height=”200px” theme=”light” playlist=”false” playlist-continuous=”false” autoplay=”false” live-autoplay=”false” chapters-image=”true” episode-image-position=”right” hide-logo=”false” hide-likes=”false” hide-comments=”false” hide-sharing=”false” hide-download=”true”]
”Anche all’appuntamento di quest’anno il Mise sarà presente – ha spiegato Giacomelli – con una (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers).
Ma l’on  De Lorenzis sbaglia soprattutto nel negare il grande lavoro svolto su questo tema in particolare durante il governo Renzi e poi  dal governo Gentiloni.
Nel semestre di presidenza del consiglio europeo abbiamo convocato il Consiglio proprio sul tema della Governance di Internet, portando i paesi europei non solo a discutere per la prima volta di questo tema decisivo ma a sottoscrivere una posizione comune che poi abbiamo rappresentato nel mondo, a partire dagli Stati Uniti incontrando l’amministrazione Obama, Fcc e la stessa Icann oltre ai maggiori Ott. È stato proprio lo stesso Presidente Fadi Cheadè, insieme agli altri, a riconoscere pubblicamente il ruolo decisivo svolto dall’Italia per far partire il processo di riforma della rete”.
 
Ma secondo il M5S “prima Letta, poi Renzi e infine Gentiloni: nessuno di loro o un loro delegato politico è mai stato presente a un evento di questa portata. I governi italiani in questi cinque anni ci hanno mandato sempre dei tecnici del ministero dello Sviluppo Economico e anche quest’anno parteciperanno soltanto dei funzionari. Con il MoVimento al governo a un evento del genere parteciperebbe senza alcun dubbio una rappresentanza politica, come accade già per moltissimi altri Paesi partecipanti a questo fondamentale evento”.

Opposti Digitali

Argomenti trattati

Aziende

HP

Approfondimenti

G
giacomelli
M
m5s

Articolo 1 di 5