PAGAMENTI ELETTRONICI

L’e-payment di Apple in Cina entro febbraio 2016

Già conclusi accordi con quattro banche statali per collegare i conti correnti degli utenti. L’esame degli organi di vigilanza potrebbe però far slittare i tempi

24 Nov 2015

Andrea Frollà

Il sistema di pagamento Apple arriverà in Cina. Il colosso di Cupertino vuole infatti lanciare il proprio servizio di e-payment nel paese asiatico, dove dovrebbe arrivare entro i primi giorni di febbraio 2016.

WHITEPAPER
Come evitare l’errore umano grazie all’Artificial Intelligence Operations?
Acquisti/Procurement
Big Data

Dietro il lancio effettivo di Apple Pay si celano però i rischi di possibili stop o rinvii da parte delle agenzie governative che vigilano sulle banche e sul mercato dell’e-commerce. Ciò nonostante, Apple avrebbe già siglato degli accordi con quattro banche statali cinesi per consentire il collegamento del proprio servizio con i conti bancari dei clienti. Un passo necessario per garantire la piena operatività del servizio che ora dovrà superare l’esame degli organi di vigilanza, i cui tempi potrebbero tuttavia essere più lunghi delle aspettative della compagnia hi-tech.

Opposti Digitali

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link