PWC

PwC: shopping online, gli italiani preferiscono il sito dei produttori

Indagine PwC: sopra la media mondiale ed europea il numero di acquirenti online che bypassa piattaforme di e-commerce utilizzando direttamente il web-market dei brand

26 Feb 2014

Il 12% dei consumatori online italiani fa regolarmente shopping da tablet e smartphone, e il 47% usa i social media per seguire un marchio o scoprirne uno nuovo, contro il 23% del Regno Unito. Sono i dati di un’indagine globale della societa’ PwC che in Italia ha analizzato i comportamenti di oltre 1.000 persone.

“Il consumatore italiano online e’ una figura nuova, cresciuta negli ultimi 3-4 anni dal momento che circa il 60% degli intervistati compra sul web da meno di 4 anni e il 21% da meno di un anno”, spiega la societa’. Nonostante sia “immaturo”, il consumatore italiano e’ attivo nell’acquisto online, con il 25% degli intervistati che usa il canale digitale almeno una volta a settimana. L’85% afferma inoltre di acquistare direttamente dai siti dei produttori, contro il 78% della media globale e sopra la media di altri paesi europei (78% Francia, 75% Olanda, 76% Germania e 62% Uk).

WHITEPAPER
Test bug fix 12 05
Fashion

La possibilita’ di trovare prezzi migliori e’ il vero motivo che spinge il consumatore all’acquisto online (lo dice il 70% degli intervistati), ma anche perche’ puo’ comprare da casa (motivazione citata dal 51%). Inoltre, il 35% degli italiani compara prezzi tramite smartphone quando gia’ si trova in negozio. Infine, nel 2013 il 59% dei consumatori ha continuato a preferire i canali offline per il contatto col prodotto, percentuale comunque in diminuzione rispetto al 73% del 2012.(

Opposti Digitali

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
e-commerce
P
Pwc
S
shopping

Articolo 1 di 5