GREEN ECONOMY

Smart city, così il digitale abbatterà costi e consumi

Indra sperimenta in Spagna la piattaforma “City Landscape manager”, che consente di gestire in tempo reale i servizi cittadini, abbattendo del 45% a bolletta energetica per l’illuminazione, del 35% quella dell’acqua e dell’11% i costi per la raccolta differenziata dei rifiuti

23 Nov 2017

Antonello Salerno

giornalista

smartcity

Gestire in modo centralizzato e in tempo reale i servizi e le soluzioni delle smart city, per monitorare i risultati e raggiungere livelli di efficienza sempre più alti. Per farlo Indra, società specializzata in consulenza e tecnologia, ha sviluppato City Landscape Manager, piattaforma che consente di migliorare la gestione dei servizi.

Nel campo del traffico e dei parcheggi, ad esempio, grazie al collegamento con le app mobile la piattaforma può fornire informazioni sullo stato di occupazione dei posti, consentendo “di dimezzare – spiega Indra in una nota – il tempo trascorso dai conducenti nella ricerca di parcheggio. Oltre alla riduzione del traffico e al risparmio di tempo per i conducenti, la soluzione contribuisce alla riduzione delle emissioni di gas inquinanti dai veicoli”.

Secondo i calcoli della società, inoltre, con l’utilizzo di City landscape manager sarà possibile ridurre di almeno l’11% dei costi della raccolta differenziata dei rifiuti, grazie all’utilizzo di sensori che misurano il livello di riempimento dei cassonetti.

Quanto al consumo di acqua per l’irrigazione, la soluzione consente di ridurlo di oltre il 35%, grazie all’incrocio dei dati con il servizio di meteorologia e ambiente, irrigando quindi soltanto quando non ha piovuto e adeguando la quantità di acqua alle esigenze di ogni parco e giardino.

I risparmi arrivano al 45% nel campo della bolletta elettrica per l’illuminazione cittadina per le strade e gi edifici pubblici, con l’installazione di lampioni a Led e dalla regolazione dai sistemi M2M che consentono di aumentare o ridurre l’intensità dell’illuminazione a seconda della presenza di persone o veicoli. Il sistema permette anche il controllo da remoto degli edifici con consumi settoriali per impianti e stanze e consente di confrontare i consumi per stabilire politiche sulla temperatura nel suo complesso.

City Landscape Manager – sottolinea la nota – è un centro di gestione virtuale intelligente in grado di gestire in modo integrato eventi pianificati e non pianificati, incrociando informazioni su diversi servizi e soluzioni verticali e migliorando il processo decisionale. Tutto questo è possibile grazie alle sue capacità analitiche e di simulazione, che consentono di fare previsioni su ciò che accadrà a partire dalla riproduzione di procedure già utilizzate in situazioni o eventi simili del passato, registrati per generare servizi pubblici adeguati alle esigenze del cittadino. Ad esempio, quando si organizza una corsa, è possibile controllare la posizione e il numero di dispositivi di sicurezza utilizzati in situazioni precedenti e simulare i cambiamenti per evitare il traffico verificato nel passato”.

La soluzione è basata su Minsait IoT Sofia2, la piattaforma Internet of Things dell’unità di trasformazione digitale di Indra, che utilizza le proprie capacità Big Data e di acquisizione delle informazioni per creare i servizi avanzati di operation, monitoraggio, analisi e miglioramento della gestione della città.

La soluzione comprende tre profili reali e differenziati nella gestione municipale: il gestore dei servizi e delle aree della città, il sindaco e il cittadino / turista. Il gestore monitora gli indicatori dei diversi servizi verticali della città e incrocia i dati per agire in tempo reale e per pianificare le azioni finalizzate a garantire il corretto funzionamento della città e il benessere dei cittadini. Lo strumento raccoglie anche, attraverso i social network, la percezione del cittadino come un sensore sui servizi o eventi che si svolgono in città, ed è in fase di sperimantazione nel Comune di Logroño, in Spagna, insieme ad altre soluzioni verticali. “Questa iniziativa – conclude il comunicato – consentirà al governo municipale di sviluppare servizi avanzati che risparmiano energia, riducono i costi di manutenzione e limitano le inefficienze nei normali processi di gestione della città, grazie a una visione globale e integrata”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Opposti Digitali

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
Indra
S
smart city

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
Fondi
PA
Formazione
Ecologia
Digital Economy
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5