Social network, la rivoluzione non è solo tecnologica

Felicia Pelagalli e Marco Mascioli (Culture): “Le nuove forme di relazione, abilitate dalle tecnologie, possono rendere nuovo il rapporto tra le persone, nei diversi contesti di vita”. Ma bisogna saper governare le novità

17 Nov 2014

Felicia Pelagalli e Marco Mascioli - Culture

innovazione-120207152836

La rivoluzione digitale a cui stiamo assistendo – e di cui tutte le forze sociali, a diversi livelli, sono partecipi – apre a nuovi interrogativi che non si esauriscono nel dato tecnico, ma investono direttamente la natura dei rapporti sociali e produttivi, contribuendo al loro radicale cambiamento.

Lo sviluppo delle Ict e delle piattaforme social ha mutato profondamente la relazione fra imprese e consumatori, istituzioni e cittadini, organizzazioni non profit e del terzo settore e stakeholder. L’accento posto sulla novità e l’autorevolezza che il termine ha assunto nella nostra cultura recente, alludono, al netto delle “mode” giornalistiche, a un processo in corso di trasformazione dei rapporti, ancor prima che dei mezzi.

In primo luogo, sono cambiate la natura e la direzione della diffusione dell’informazione: dal tradizionale “uno a molti”, a quella bidirezionale e interattiva, una forma di comunicazione che verte sulla co-creazione di linguaggi e di prodotti e nella quale chi riceve è allo stesso tempo colui che informa il dato, dunque gli dà forma, parafrasando Derrida.

In secondo luogo, con la proliferazione degli strumenti social, i rapporti tendono verso la simmetria e lo stesso potere, da forza univocamente derivata dal ruolo, torna sempre più all’accezione originaria di possibilità: poter fare, poter conoscere, poter essere. La caratteristica dell’universo “social” è che questa opportunità di fare, conoscere ed essere è indissolubilmente legata alla capacità di condividere e confrontarsi con il proprio interlocutore.

In quest’ottica, diviene centrale il tema della fiducia: come può l’innovazione sostenere e promuovere la fiducia delle persone nelle istituzioni, nella scuola, nelle imprese, nel turismo, nei media?

Quello del rapporto fra l’innovazione e la fiducia è un tema ampio che porta con sé insidie e opportunità. Le piattaforme social aprono a nuove possibilità di condivisione e alimentano aspettative positive di fiducia, superando il conflitto fra chi ha il dominio del sapere e chi lo riceve, e ampliando spazi e tempi di intervento sull’informazione: quando, come e cosa fruire si impongono sempre più come scelte caratterizzate da un elevato grado di autonomia.

Le stesse piattaforme ed i loro contenuti non sono statici, ma vengono costantemente co-costruiti da chi prende parte alla relazione sociale. L’esempio di Facebook evidenzia le potenzialità creative che derivano dalla condivisione delle informazioni e dei prodotti mediatici. In una sorta di economia del dono “social”, l’obbligo rituale del dare-ricevere-ricambiare diventa il motore che alimenta le comunità virtuali, entro un rapporto in cui il “contraente” dello scambio è l’intera cerchia di amici e di followers, che restituiranno quanto offerto in un secondo momento. Una forma di scambio tenuta insieme dalla metafora dell’amicizia, dunque del rapporto di fiducia con l’altro.

Fiducia e innovazione sono intensamente e reciprocamente connesse: la fiducia è una precondizione culturale dell’innovazione e le nuove forme di relazione, abilitate dalle tecnologie, possono innovare, “rendere nuovo”, il rapporto tra le persone, nei diversi contesti di vita.

Ne parliamo alla Camera dei Deputati il 20 novembre in occasione del workshop “Fiducia e Innovazione: nuovi modelli di relazione e di misura”, organizzato da Culture in collaborazione con l’Intergruppo Parlamentare per l’Innovazione Tecnologica.

Opposti Digitali

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
Fondi
PA
Formazione
Ecologia
Digital Economy
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5