LA SENTENZA

Il Consiglio di Stato “riapre” la Scuola di Ingegneria Aerospaziale

La sentenza 598/2014 del Consiglio di Stato annulla la decisione del Rettore della Sapienza che aveva chiuso la storica istituzione nel 2010

11 Feb 2014

L.M.

università-130513172103

Potrà riaprire la Scuola di Ingegneria Aerospaziale di Roma. La sentenza del Consiglio di Stato n.598/2014 ha annullato la decisione del Rettore della Sapienza che aveva “chiuso” la storica istituzione aerospaziale e deliberato la riattivazione dei corsi universitari e delle attività di ricerca e industriali della Scuola.

Istituita per legge nel 1927 e al vertice della ricerca nel settore aerospaziale, dal 2010 aveva cessato, nell’ambito di un processo di riorganizzazione dell’università, di offrire la propria attività formativa comprendente una laurea Magistrale, una laurea Speciale e un dottorato di ricerca per gli studenti laureati. Nel 2011 il Tar si era già pronunciato per la ripresa dei corsi e adesso il Consiglio di Stato conclude posititivamente e definitivamente per la Scuola la battaglia legale con l’Ateneo. ”La Scuola non essendo strutturata come semplice corso di studi o facolta’ non può essere modificata dall’Ateneo in via unilaterale contro la volontà di legge” si legge nella sentenza.

L’istituzione scolastica, che ha visto tra i suoi presidi scienziati di livello mondiale come Gaetano Arturo Crocco e Luigi Broglio, dovrà quindi riattivare i suoi corsi universitari e le attività di ricerca e industriali che al momento della chiusura avevano attirato fondi dall’estero per 4 milioni di euro, una vera risorsa finanziaria per la Sapienza. Della difesa della posizione della Scuola contro la decisione del Rettore della Sapienza si sono occupati lo Studio Biagetti e l’avvocato Vittorina Teofilatto.

Opposti Digitali

Argomenti trattati

Approfondimenti

C
consiglio di stato

Articolo 1 di 5