MOBILE

Iliad affila le armi: “Obiettivo un quarto del mercato italiano”

La compagnia francese mette a punto la propria strategia di competizione agguerrita sui prezzi, per replicare i risultati già raggiunti sul mercato francese. Ma Tim, Vodafone e Wind Tre si preparano alla battaglia

05 Apr 2017

A.S.

iliad-141014112402

L’obiettivo di Iliad, che si prepara a sbarcare in Italia come quarto operatore mobile, alla fine del 2017 o all’inizio del 2018, è di conquistare un market share del 25% nella penisola. Replicando la stessa strategia che si è dimostrata vincente in Francia, cioè la competizione al ribasso sui prezzi. Ad anticiparlo è l’agenzia Reuters, che cita due fonti confidenziali. Lo sbarco in Italia sarebbe per l’operatore controllato da Xavier Niel il primo tentativo di affacciarsi fuori dai confini francesi dopo l’offerta da 15 miliardi di dollari, non andata a buon fine, per mettere le mani su T-Mobile US negli Stati Uniti.

Iliad sta studiando il modo per raggiungere velocemente il 10% del mercato nei prossimi due o tre anni con offerte molto aggressive – afferma una delle fonti – con l’obiettivo di arrivare alla fine al 25%. Non sto dicendo che sarà facile, ma hanno la capacità di farlo: metteranno i concorrenti, che hanno strutture di costo molto rigide, nella difficoltà di adeguarsi velocemente alle nuove condizioni”.

In Francia Free mobile, controllata da Iliad, aveva ottenuto rapidamente successo applicando prezzi dal 50% all’80% più bassi rispetto a quelli messi in campo dai concorrenti che erano già sul mercato. Durante un incontro con gli analisti Niel ha già detto che anche in Italia gli utenti sarebbero interessati a nuove offerte, dal momento che – aveva detto citando i dati di una ricerca Exane Bnp Paribas – le compagnie telefoniche italiane sono le “più odiate” in Europa dai consumatori: tra le cinque principali economie europeee – emergeva dal report – i consumatori italiani sono quelli meno soddisfatti delle reti e dei servizi mobili che hanno a disposizione. “In Italia ci sono tutti gli elementi per avere successo – prosegue la fonte – le stesse cause infatti producono di solito gli stessi effetti”.

Stando al precedente francese, Free Mobile ha conquistato il 18% del mercato in quattro anni, con 12,7 milioni di utenti, alla fine del 2016. L’effetto sul mercato è stato, per l’adeguamento dei prezzi da parte dei concorrenti, di un calo delle tariffe generalizzato, che ha portato a una diminuzione dei ricavi per singolo utenti, in media, del 41% negli ultimi sei anni, secondo i dati Gsma.

Ma gli operatori italiani si stanno già preparando all’arrivo di Iliad: Tim, Vodafone e Wind Tre, ognuna delle quali può contare su circa un terzo del mercato: la prima mossa evidente è stata quella messa in campo da Telecom Italia, che ha dato vita a un nuovo brand ”low cost”, Kena Mobile, per presidiare il campo scelto da Iliad. Allo stesso modo in una recente call con gli analisti il Ceo di Vodafone, Vittorio Colao, aveva detto che l’azienda prende molto seriamente l’arrivo di Iliad e “si sta preparando al meglio”. Da canto suo Maximo Ibarra, ceo di Wind Tre, ha detto che “il mercato italiano delle tlc mobili è già tra i più competitivi nel mondo, siamo abituati alla competizione sui prezzi. In goni caso non siamo preoccupati: non vogliamo sottovalutare né esagerare l’impatto di un altro concorrente sul mercato”

Opposti Digitali

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
Fondi
PA
Formazione
Ecologia
Digital Economy
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5