STRATEGIE

Nasce Vivendi Italia: nel mirino cinema e calcio (ma senza follie)

Il ceo della media company Arnaud de Puyfontaine: “Focus sui contenuti cinematografici, apriremo scuole per registi e sceneggiatori. Diritti tv Serie A? In campo solo a prezzi sostenibili”. Nei prossimi giorni incontro con l’Agcom per la doppia partecipazione Tim-Mediaset. Su Telecom: “Non è il cavallo di Troia di Orange. La renderemo great again”

06 Giu 2017

Andrea Frollà

vivendi-141009130517

La corsa ai diritti televisivi per il calcio e per il cinema, da ottenere senza svenarsi e con un nuovo veicolo italiano. La mancata presentazione di liste per la governance di Mediaset e il nodo della pronuncia Agcom da sciogliere. E un rinnovato impegno di lungo termine in Telecom Italia. È lungo questi binari, facilmente intrecciabili, che si giocherà la partita italiana di Vivendi nei prossimi mesi. A spiegare la strategia del gruppo francese è stato Arnaud de Puyfontaine, ceo di Vivendi e neo presidente di Tim, che incontrando la stampa in un hotel di via Veneto a Roma ha elencato i fronti caldi che attendono la media company.

La novità principale è la nascita di Vivendi Italia che, riporta il Sole24Ore, sarà messa in piedi entro fine mese per realizzare coproduzioni e partnership nel mondo dei contenuti cinematografici, ma forse anche per entrare nella corsa ai diritti televisivi del calcio italiano. De Puyfontaine ha evidenziato la volontà di riportare in auge il progetto della Netflix europea, messo da parte dopo il naufragio dell’accordo con Mediaset sulla pay-tv Premium. E, aggiunge Repubblica, ha annunciato che sono allo studio alcuni accordi con la Mostra del Cinema di Venezia e Cinecittà. La media company intende inoltre aprire scuole pe registi e sceneggiatori nel nostro Paese. “Vogliamo contribuire a rilanciare il cinema italiano, far diventare l’Italia un polo di attrazione per giovani talenti – ha spiegato de Puyfontaine -. Operiamo in un’industria locale che sta diventando sempre più globale. E per competere con i colossi Usa, e in prospettiva con quelli cinesi, bisogna poter contare su economie di scala, creando un network che permetta di rendere efficienti gli investimenti in contenuti”.

La nascita di Vivendi Italia, che secondo indiscrezioni potrebbe coinvolgere anche l’ex presidente di Tim Giuseppe Recchi nel management, potrebbe anche far presagire la discesa in campo nella partita che riguarda i diritti tv per la Serie A di calcio. Ma su questo versante il manager francese si è mostrato più cauto, dicendo che Vivendi sta “studiando la situazione” cosciente dei tempi stretti (le offerte per il bando scadono il 10 giugno, ndr). “Le decisioni migliori si prendono sotto pressione”, ha risposto a chi gli ha fatto notare proprio la scadenza a breve. La società francese non sembra comunque disposta a fare follie per il calcio e, non a caso, de Puyfontaine ha fatto riferimento all’asta per la Champions League in Francia, presa a 350 milioni l’anno da Altice battendo Vivendi, e a British Telecom (“Ha investito un sacco di soldi ed è sotto pressione per il modello di business non è sostenibile”). Alcuni prezzi, ha sottolineato il manager, non consente margini di guadagno. Insomma, niente spese pazze ma livello di attenzione elevato: “Se paghi troppo e non sai cosa farci, hai perso. Se paghi il prezzo giusto, e fai fruttare quello che hai comprato, hai vinto”.

Il calcio potrebbe essere un’arma da giocarsi per ricucire il rapporto con Mediaset, di cui Vivendi detiene il 28,8%. “Mi piacerebbe molto tornare a discutere con loro, ma per il momento non ci sono incontri in agenda – ha specificato -. Io comunque resto ottimista sulla possibilità di trovare un accordo”. La mancata presentazione di una lista Vivendi per il collegio sindacale di Mediaset, in vista dell’assemblea degli azionisti fissata al prossimo 28 giugno, potrebbe essere letta come una mossa per tentare di riaprire un dialogo. Ma anche come un’anticipazione della probabile discesa nel capitale del gruppo di Cologno Monzese, per effetto della delibera Agcom che ha obbligato Vivendi a scegliere fra le partecipazioni incompatibili in Mediaset e Telecom (23,94%). La stampa generalista e specializzata considera ormai una certezza la scelta di congelare la quota eccedente il 10% in Mediaset. Ma questo non esclude la battaglia contro la pronuncia dell’authority. “Ricorreremo al Tar e all’UE. Il mondo, del resto, va in un’altra direzione”, ha spiegato de Puyfontaine citando il progetto di merger fra At&t e Time Warner. In ogni caso nei prossimi giorni e comunque prima del 18 giugno, termine entro cui Vivendi è chiamata a esporre il piano con cui intende ottemperare alle indicazioni dell’Authority, i vertici del gruppo francese potrebbero incontrare l’Agcom proprio per parlare della presenza in Italia.

La probabile scelta di congelare la quota Mediaset è l’ennesimo segnale dell’importanza che Vivendi attribuisce alla sua partecipazione in Telecom Italia. Il nuovo presidente del gruppo lo ha ribadito anche ieri: “Siamo investitori di lungo periodo, siamo impegnati a fare investimenti infrastrutturali e vogliamo far tornare grande Telecom Italia. Non siamo il cavallo di Troia di Orange – ha dichiarato de Puyfontaine citato da Milano-Finanza – Telecom è un pilastro fondamentale della nostra strategia. All’inizio degli anni Novanta era meglio di France Telecom, di British e Deutsche. Ma poi non ha mantenuto le promesse”. L’obiettivo dei francesi, ha spiegato citando Trump, è rendere Tim “great again”. Per far ciò, ha aggiunto, sarà fondamentale la collaborazione con l’amministratore delegato, Flavio Cattaneo: “È chiarissimo che Cattaneo è il capo dell’azienda, è il ceo. Ma il lavoro comune tra l’Ad e un presidente esecutivo è la combinazione vincente per prendere le decisioni migliori”.

Opposti Digitali

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
Fondi
PA
Formazione
Ecologia
Digital Economy
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5