LA PARTNERSHIP

Nokia rinnova l’asse con China Unicom sui core router

L’operatore accelera sulla copertura broadband nelle città cinesi e punta su piattaforme e device della telco. L’obiettivo è aumentare flessibilità e scalabilità delle reti metropolitane

27 Set 2016

Andrea Frollà

China Unicom punta sui core router di Nokia per rispondere alla domanda crescente di traffico Internet e centrare gli obiettivo del piano nazionale per la banda larga. L’operatore cinese e la telco finlandese estendono la partnership esclusiva sui core router high-end CR-B.

China Unicom ha inizialmente installato il 7950 Xrs nelle reti metropolitane in sei province (Pechino, Shandong, Jiangsu, Jiangxi, Mongolia Interna e Qinghai) e quest’anno ha in programma di coinvolgere le province di Heilongjiang, Henan, Zhejiang e Hunan per migliorare la velocità e i tempi di risposta delle reti a banda larga fisse e mobili.

Tipologia Jollyxaq
JOLLY Form Hubspot - Lorem ipsum dolor sit amet

Nel 2013, China Unicom ha lanciato l’iniziativa Broadband China, con un investimento di 182 miliardi di dollari per dare impulso alla velocità e alla qualità dei servizi Internet nel paese. L’obiettivo è di ridurre il digital divide realizzando, per cittadini e imprese, la copertura nazionale a banda larga entro il 2020. In linea con questa iniziativa, China Unicom ha continuamente migliorato la scala e la capacità delle sue reti. La piattaforma 7950 Xrs di Nokia è stata scelta per migliorare scalibilità, efficienza e versatilità, sfruttando la sua architettura altamente progammabile che offre capacità e funzionalità necessarie, con l’evoluzione dei requisiti dei servizi cloud.

“Siamo onorati di continuare la nostra collaborazione con China Unicom nel segmento dei core router CR-B. Facendo leva sulla piattaforma 7950 XRS di Nokia – spiega Mike Wang, a capo del team congiunto Nokia Networks China e Asb – China Unicom guadagna l’ampiezza di banda, la flessibilità e la programmabilità che servono per gestire le reti in espansione e migliorre la risposta agli obiettivi ambiziosi del paese in materia di banda larga”.

Opposti Digitali

Articolo 1 di 5