MOBILE WORLD CONGRESS

Qualcomm, a tutto 5G con lo Snapdragon X50

Annunciati accordi con una ventina di operatori mobili per la sperimentazione dei servizi. Tra essi c’è anche Tim. Accordi anche con numerosi produttori di terminali.

02 Mar 2018

QualcommX punta ad essere l’azienda leader nei chipset che abiliteranno il 5G. È emerso con chiarezza al Mobile World Congress di Barcellona dove il gruppo americano ha annunciato l’avvio di trial del 5G NR mobile via etere nelle bande di spettro a sub-6 GHz e a onde millimetriche con numerosi operatori: AT&T, British Telecom, China Telecom, China Mobile, China Unicom, Deutsche Telekom, KDDI, KT Corporation, LG Uplus, NTT DOCOMO, Orange, Singtel, SK Telecom, Sprint, Telstra, TIM, Verizon e Vodafone Group. Le sperimentazioni saranno basate sugli standard della Release 15 della rete globale 3GPP 5G NR.

I trial utilizzeranno la piattaforma di test e lo smartphone reference design 5G mobile di Qualcomm Technologies, che include il chip Snapdragon X50 e ottimizza la tecnologia 5G rispetto ai limiti di form factor e di potenza di uno smartphone assicurando contestualmente l’interoperabilità e la coesistenza con il 4G LTE.

“Il 2018 sarà un grande anno per Qualcomm Technologies e per l’intera industria della telefonia mobile dal momento che lavoriamo per mettere in pratica le specifiche 5G NR concordate”, scommette Cristiano Amon, presidente di Qualcomm Incorporated.

“Questi trial dimostrano il contributo del nostro lavoro gli operatori globali per stimolare la crescita e l’innovazione nel settore della telefonia mobile, nonché per rendere il 5G una realtà concreta, supportando i numerosi lanci commerciali attesi per il 2019 – aggiunge Amon – Grazie al nostro comprovato successo nel 3G, 4G LTE e la nostra leadership in ambito RF front-end, Qualcomm Technologies è posizionata in maniera ottimale per offrire i prodotti multi-gigabit e multimodali richiesti per il roll-out globale del 5G.”

In questo ambito, sempre a Barcellona l’italiana TIM e Qualcomm hanno siglato un accordo di cooperazione di ampia portata in ambito business innovation e 5G. Le due aziende puntano a condividere una visione strategica sullo sviluppo del business e sui servizi innovativi abilitati dalle nuove tecnologie – in particolare dal 5G – con l’obiettivo di testare i nuovi servizi ed accelerarne l’introduzione commerciale.

L’accordo si articola intorno a tre tematiche principali: sviluppo di casi d’uso per servizi mobili avanzati, con particolare riferimento alle prospettive abilitate dalla tecnologia 5G e ai servizi relativi all’IoT; servizi innovativi basati su advanced analytics che fanno leva sull’aumento dei dati provenienti da dispositivi, reti, applicazioni e servizi abilitati dal 5G; prodotti innovativi per rete mobile e fissa.

“Con questo accordo confermiamo ancora una volta il nostro impegno nell’offrire ai nostri clienti la migliore customer experience possibile, combinando i servizi e le soluzioni più innovative e performanti con un servizio clienti semplice e chiaro”, ha commentato Amos Genish, amministratore delegato di Tim.

“Queste sperimentazioni ci daranno l’opportunità di testare le reali potenzialità al di là delle iniziali promesse e questo non sarebbe possibile senza il support di player chiave come Qualcomm”, aggiunge Giovanni Ferigo, chief technology officer, di Tim

Oltre alle sperimentazioni sul 5G con gli operatori mobili, Qualcomm ha anche annunciato l’inizio della collaborazione con oltre 20 manifatturiere di terminali tra cui LG, Sony, Asus che useranno lo Snapdragon X50 per lo svilluppo e la disponibilità commerciale di terminali 5G già nel corso del prossimo anno.

Per l’affermazione del 5G, al di là della disponibilità di apparati trasmissivi, di terminali e di frequenze sarà determinante garantire che l’intero ecosistema 5G – dai partner tecnologici ai fornitori di reti, servizi e apparati – possa essere pronto nei prossimi mesi a supportare le diverse fasi delle sperimentazioni in campo e poi il lancio commerciale atteso per il 2019. Da questo punto di vista, è evidente che un leader mondiale del calibro di Qualcomm avrebbe soltanto da perdere – e con lui l’intero ecosistema 5G – se il suo sforzo di innovazione tecnologica venisse distratto da eventi societari e finanziari esterni tali da condizionarne l’operatività, se non altro nello slittamento dei tempi.

Opposti Digitali

Argomenti trattati

Aziende

HP

Approfondimenti

5
5g
A
Amos Genish
Q
qualcomm

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
Fondi
PA
Formazione
Ecologia
Digital Economy
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
INNOVAZIONE
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
Analisi
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA DIGITALE
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water Management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
Le risorse
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Key trends per data center in tutto il 2022
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I Fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 5